Il lavoro /Work issues

Il lavoro /Work issues

Creato da Redazione il 17/07/2014
Salo, 20/03/2013 - 24/03/2013

5.6 min
All’inizio degli anni 80, dopo un periodo di lavoro a Torino, Silvano decide di mettersi in proprio ed apre un’officina meccanica a Napoli…
visualizzato 2835 volte
10.0 min
Ersilia classe 1924 parla della tabaccaia anteguerra. Ersilia aveva 14 anni quando fu assunta nel 1939 e vi lavorò per 43 anni fino al 1982. Racconta del suo lavoro di quattordicenne, della minestra riscaldata nel pentolino, dei mitragliamenti, delle corse al ricovero, dei carristi che facevano addestramento nel piazzale. Parla del direttore Sig Catastini Sestilio, a cui subentrò il figlio Luciano.
visualizzato 3602 volte
10.5 min
Tito 1934 Il suo lavoro nella fabbrica Tito continua a raccontare della sua attività nella fabbrica Icas e di come, essendo a conoscenza di tutti i cicli lavorativi, dopo essere stato aiutante del capo fabbrica, occupa il posto di quest’ultimo. L’ingegner Enzo Niccolini muore e gli subentra il figlio Ing. Marcello in quale iniziò nella fabbrica anche la lavorazione di legnami pregiati richiesti dai cantieri navali e dai mobilieri. L’ing. Marcello cedette l’Icas a degli industriali del Nord i quali cessarono la lavorazione qualitativa del legno a favore della quantità. Osserva acutamente Tito che lo stesso metro quantitativo fu applicato alle persone. Tito non convivendo questo modo di trattare le persone se ne andò in pensione.
visualizzato 3685 volte
10.1 min
Tito 1934 Ricorda L’Ingegner Enzo Niccolini Monteroni d’Arbia con le attività artigianali e industriali non ha avuto quella fortuna, dovuta alla capacità imprenditoriale, acquisita da impresari nelle cittadine a nord di Siena. L’eccezione è stata L’Ing. Enzo Piccolini che trasferì l’attività da Abbaia S.S. a Monteroni d’Arbia Il mio amico Tito del 1934, racconta le attività diciamo creative di questo ingegnere nella cui fabbrica per diversi anni impiegò mano d’opera monteronese. Questa fabbrica è stata l’unica ad aver svolto attività per anni fini a impiegare circa cento dipendenti. Le altre attività soprattutto artigianali furono avviate nella zona però, sebbene operanti con capacità tecnica dovettero fare i conti con la crisi di metà degli anni 70 e molte chiusero. Un mio amico che di attività faceva il commercialista chiamò al tempo Monteroni cimitero delle fabbriche.
visualizzato 4403 volte