Clemente Aldo

 
Clemente Aldo

nato nel 1920
Roma

2 Racconti

4.6 min
Aldo Clemente racconta che gli italiani andarono via per una questione culturale, per paura delle foibe e per le difficoltà religiose. I profughi sono stati almeno 300 mila. Si possono considerare tre gruppi: i più giovani andarono all’estero, fra Argentina e Australia; i meno giovani andarono nei vari comuni italiani e forse non c’è comune che non abbia almeno un profugo; i più anziani si sono fermati vicino Trieste. Il Paese era povero, nei campi profughi la gente era denutrita. Nel ’47 all’attuale villaggio giuliano esistevano le baracche per gli operai che avrebbero dovuto costruire l’EUR. Tra gli industriali romani si era riusciti a raccogliere i soldi per allestire 120 appartamenti per i profughi. Tratto dal film documentario Voci in esilio, per gentile concessione del Museo di Fiume - Roma
visualizzato 4552 volte
1.4 min
Quando Aldo Clemente arrivò a Roma, nel 1947, esistevano solo i padiglioni per gli operai che avrebbero dovuto costruire l’Eur42, i cui lavori furono sospesi per l’entrata in guerra. Fu allora che Oscar Sinigallia, benemerito fra i profughi, riuscì a raccogliere 40 milioni fra gli industriali romani con i quali vennero ricavati 120 piccoli appartamenti in questi padiglioni in rovina. Tratto dal film documentario Vivere in esilio, per gentile concessione del Museo di Fiume - Roma
visualizzato 5925 volte