Vodopia Marzia

 
Vodopia Marzia

nato nel 1931
Roma

5 Racconti

3.6 min
Marzia nel 1962 è tornata a Pola e ha trovato una città poverissima. Aveva cercato persone conosciute che non vollero entrare in albergo per paura. Il governo era molto repressivo e la gente aveva molta paura. Qualcuno chiese di mandare un pacchetto con filo e bottoni, qualche spezia: non si trovava nulla. Marzia è tornata altre volte. Tra le perdite ci sono anche i morti che sono rimasti lì e non si può andare sulla loro tomba
visualizzato 5072 volte
1.9 min
Marzia si era innamorata di un ragazzo ma i genitori di lui gli impedirono di frequentarla perché essendo una profuga gli avrebbe danneggiato la carriera. Si era accorta così di avere un marchio. E inoltre a Roma Marzia si è accorta che tra ragazzi e ragazze c’era molto divario. In tutto questo c’era anche la difficoltà di essere in una città grandissima che forse rendeva un po’ diffidenti.
visualizzato 5341 volte
4.1 min
I soldati di Tito occuparono la città per 45 giorni e fu terribile. Era gente che veniva dalle montagne, gente dura. Rastrellavano e le persone scomparivano senza che se ne avesse più notizie. Non erano vendette politiche, spesso si trattava di questioni personali, c’erano molti delatori. Ed è da considerare che il fascismo era un dato di fatto, tutti erano “fascisti”.
visualizzato 5006 volte
3.4 min
Pola era una città fantasma ma le case non erano state abbandonate, erano state chiuse come se si pensasse di poter tornare. La famiglia di Marzia venne a Roma ma non soffrì molto perché il padre ha cominciato subito a lavorare al Comune e abitavano a Monteverde. Al Villaggio Giuliano ci andavano a trovare gli amici. All’inizio la gente viveva ammassata. Il padre è come se avesse avuto due esodi. A tredici anni, ai tempi della prima guerra mondiale, quando Pola era austriaca, aveva lasciato Pola perchè di famiglia irredentista. E poi di nuovo nel ‘ 47
visualizzato 5336 volte
6.0 min
Marzia ha vissuto a Pola fino a sedici anni. E’ partita nel 1947 con l’ultimo piroscafo e gli ultimi abitanti si erano imbarcati portando via la bandiera del Comune. Era da un anno che sapevano di dover lasciare la città e avevano organizzato una festa per salutarsi e stare in allegria prima di organizzarsi per partire. Pola è stata l’unica città che ha avuto un esodo organizzato, i cittadini hanno potuto portare via anche i mobili. Ma la festa finì in tragedia: sulla spiaggia c’erano delle mine abbandonate dai tedeschi, erano inerti ma qualcuno le fece scoppiare. Morirono moltissime persone.
visualizzato 21809 volte