Guido Bodrato

 
Guido Bodrato

nato nel 1933
Chieri

7 Racconti

4.5 min
Da una tesi di laurea proposta e poi abbandonata si sviluppa il ricordo dei rapporti con alcuni docenti universitari (Norberto Bobbio e Giuseppe Grosso in particolare) divenuti figure di riferimento e di stimolo alla riflessione. Materiale raccolto ed elaborato da Silvia Tirtei e Roberto Destefanis
visualizzato 42 volte
4.4 min
Durante l’università il percorso prosegue, dal Consiglio di Facoltà di Torino all’Unione Nazionale Universitaria: una palestra di democrazia rappresentativa per i giovani del dopoguerra, tra i quali si affacciano anche Pannella e Craxi. Materiale raccolto ed elaborato da Silvia Tirtei e Roberto Destefanis
visualizzato 37 volte
2.6 min
Un discorso in piazza a Bra durante uno sciopero a favore di Trieste italiana costituisce per l’allora liceale Guido Bodrato il debutto pubblico: poi l’incarico di Segretario generale degli studenti di Torino nell'esperienza di Intesa, organizzazione degli studenti di ispirazione democratico-cristiana. Materiale raccolto ed elaborato da Silvia Tirtei e Roberto Destefanis
visualizzato 38 volte
4.9 min
Guido Bodrato, partendo dalla presenza tra i “baschi verdi” dell’Azione Cattolica di Carlo Carretto, rievoca l’insieme di esperienze, impulsi, insegnamenti – di Bobbio il più lucido e formativo- che lo hanno guidato “quasi senza che me ne accorgessi” verso l’intervento diretto nella vita della polis. Materiale raccolto ed elaborato da Silvia Tirtei e Roberto Destefanis
visualizzato 32 volte
3.7 min
Guido Bodrato unisce, attraverso un episodio avvenuto in modo inusuale nella Piazza Rossa di Mosca, il ricordo di Giorgio La Pira e di Piero Ostellino. Materiale raccolto ed elaborato da Silvia Tirtei e Roberto Destefanis
visualizzato 665 volte
1.6 min
Il problema del rapimento e dell’assassinio dell’on. Moro andava e va inserito nel contesto complessivo dell’azione dei terroristi in quel periodo. Materiale raccolto ed elaborato da Silvia Tirtei e Roberto Destefanis
visualizzato 993 volte
2.0 min
Guido Bodrato rievoca le minacce dei terroristi e le motivazioni che, nonostante le disposizioni vigenti legate al ruolo pubblico che ricopriva, lo hanno portato a rifiutare l’assegnazione di una scorta. Materiale raccolto ed elaborato da Silvia Tirtei e Roberto Destefanis
visualizzato 932 volte