Vladimiro Tariciotti

 
Vladimiro Tariciotti

nato nel 1922
Roma

4 Racconti

8.0 min
Vladimiro faceva parte di una cooperativa agricola nata nel '46. I soci erano tanti ma c'era anche tanta terra: a Pratica di mare, a Ceri. E nel dopoguerra i soci si organizzarono per fare l'occupazione delle terre incolte perchè fossero assegnate. Dopo tante lotte, le terre furono date alle cooperative. Piano piano i soci assegnatari si sono ritirati o trasferiti e alla fine è rimasto solo un socio che ha rilevato tutte le terre degli altri soci.
visualizzato 4438 volte
4.7 min
Vladimiro non ha fatto il militare perchè era piccolo; passò tre visite ma non fu mai ritenuto idoneo. Come tanti altri era stato sfollato in campagna nei dintorni di San Vito. Nel terreno di proprietà  c'era una roccia scavata come un rifugio che era comodo durante i bombardamenti. Durante quel periodo durato 18 giorni si sono nutriti solo di ciliege perché per fortuna era maggio.
visualizzato 3968 volte
6.9 min
La famiglia era numerosa, fra tutti erano 19 persone. A scuola si andava anche di pomeriggio. Vladimiro a pranzo sperava di trovare la pizza che spesso non c’era. Per fortuna il nonno aveva il forno. Non c’erano sodi e per la spesa ci si doveva accontentare. Per i giochi erano problemi ancora più grandi: il pallone si faceva con gli stracci. Molto tempo passava nella cura dell’orto. Si cenava e si andava a dormire. Vladimiro in 87 anni la sera non è mai uscito
visualizzato 3951 volte
2.7 min
Con qualche bicchierino di più Vladimiro cantava e non lo fermava nessuno. Le canzoni erano quelle sempre esistite come "quel mazzolin di fiori" o "tutti mi chiamano bionda" (e Vladimiro ce la canta). E poi c'erano gli stornelli che si inventavano. E c'era "la dispettosa" con botta e risposta a tono e a braccio
visualizzato 5401 volte